Wishlist: 5 libri che Mighè vorrebbe – Ep. 1

La Wishlist è ormai un aspetto dominante della nostra vita sul web. Se una volta vi cercavamo prevalentemente notizie e informazioni di qualunque tipo, adesso una buona parte del nostro la tempo la impieghiamo a ricercare prodotti: quelli utili, quelli più convenienti, quelli che non ci servivano fino a prima di vederli. E così annotiamo tutte queste cose in numerose wishlist, seguiamo disponibilità e prezzi di ogni singolo oggetto fino al momento propizio per l’acquisto.

I libri esulano un po’ da questo contesto: la legge Levi del 2011, come saprete, ha imposto uno sconto massimo sui libri del 15% durante tutto l’anno e del 25% in alcune occasioni speciali e ha di fatto annientato il fattore convenienza per gli acquisti sul web. In totale anacronismo rispetto ai tempi che corrono, io inverto quella pratica ormai comune, lo showrooming, e tengo su Amazon una lista dei desideri, una wishlist, di cose che poi andrò a comprare in negozio. Tiè.

Finito questo preambolo, quali sono allora i libri attualmente al vertice della mia wishlist?

Mircea Cărtărescu – Abbacinante. L’ala sinistra.

Abbacinante - L'ala sinistraL’ala sinistra è la prima parte di una trilogia, Abbacinante, scritta da Mircea Cărtărescu, considerato da molti intenditori il più grande scrittore rumeno vivente.

Abbacinante è un romanzo (cioè, tre) visionario in cui si mescolano autobiografia fantastica, realismo magico e la storia recente della Romania, paese di cui probabilmente sappiamo tutti troppo poco. Viene spesso avvicinato a capolavori come Infinite Jest, L’arcobaleno della gravità e 2666, accostamenti che non possono che catturare immediatamente l’attenzione di chi legge. Peccato che non sia ancora troppo conosciuto, anche se per fortuna il passaparola degli ultimi tempi sta cominciando a dare i suoi frutti.
Un bell’articolo di Vanni Santoni su il Libraio vi convincerà sicuramente a leggerlo.

Voland, 375 pagine, 9788888700755.
La pagina dell’editore, Mircea Cărtărescu

A. B. Guthrie – Il grande cielo

Il grande cieloIl grande cielo è un romanzo del 1947 di A. B. Guthrie, riportato da noi sotto i riflettori da Mattioli con una di quelle operazioni di recupero che ultimamente hanno ridato visibilità a molti libri del passato. Uno su tutti, Stoner.

Il grande cielo è un romanzo sulla frontiera. Da sempre amante dei romanzi su questo argomento (Cavalli Selvaggi è tra i miei libri preferiti di sempre), vedere riportato alla luce quello che viene considerato un grande classico del genere ha acceso subito in me la scintilla della curiosità. Mattioli si sta impegnando a riportare in libreria anche i seguiti, tra cui il prossimo Il sentiero del West con cui Guthrie ha vinto il prestigioso Premio Pulitzer nel 1949.

Mattioli 1885, 449 pagine, 9788862613842.
La pagina dell’editore, A. B. Guthrie

Paul Auster – 4 3 2 1

43214 3 2 1 è l’ultimafatica di Paul Auster, alla prova con il romanzo più lungo della sua carriera. Auster è uno degli autori che preferisco e una sua nuova uscita, specialmente se così ambiziosa, non può che entrare prepotentemente nella mia lista dei desideri.

A volte nella vita ci ritroviamo a pensare “e se quella volta…?”, e ci perdiamo poi ad esplorare con la mente le diverse strade che la nostra vita avrebbe potuto prendere. In 4 3 2 1 si raccontano quattro diverse vite della stessa persona, Archie Ferguson, quattro sentieri presi già dalla nascita che lo porteranno a vivere vite diverse ma a loro modo simili, fra profonde discrepanze e motivi che invece si presentano in più di uno dei diversi percorsi possibili. È la storia di tutte le vite di Archie Ferguson, quella che ha avuto e quelle che avrebbe potuto avere

Einaudi, 944 pagine, 9788806235017.
La pagina dell’editore, Paul Auster

Zigmunds Skujins – Come tessere di un domino

Come tessere di un domino

Come tessere di un domino, di Zigmunds Skujins, è il primo romanzo lettone pubblicato dalla eccezionale Iperborea, casa editrice impegnata nel portare in Italia la letteratura del Nord Europa.

In Come tessere di un domino si racconta la vita di una strampalata famiglia che abita nelle campagne nei dintorni di Riga. Dal loro originale punto di vista assisteremo agli eventi che hanno caratterizzato la controversa Storia della Lettonia nel secolo scorso, paese di cui conosciamo poco. Se una specie di realismo magico, o comunque bizzarro, si accompagna alla storia di una nazione la mia curiosità viene immediatamente accesa. Inoltre, Iperborea è ormai per me una garanzia di qualità senza eguali, mi fido ciecamente di tutto quello che decidono di pubblicare.

Iperborea, 364 pagine, 9788870914832.
La pagina dell’editore, Zigmunds Skujins

Mary Miller – Last days of California

Last days of California

Last days of california è un romanzo di Mary Miller, pubblicato da Edizioni Clichy per Black Coffee, che adesso è però diventata una casa editrice indipendente a tutti gli effetti con un catalogo a sé.

In Last days of California una ragazzina di quattordici anni, Jess, si trasferisce con la famiglia dall’Alabama alla California, perché il padre spera di assistere alla Seconda Venuta e convertire durante il tragitto quante più persone possibile. Tra romanzo di formazione e on the road, la famiglia farà incontri bizzarri e Jess si dovrà confrontare per la prima volta con le immortali ansie dell’adolescenza.

Edizioni Clichy, 260 pagine, 9788867991617.
La pagina dell’editore, Mary Miller