Libri in uscita a Giugno 2020

Secondo mese dalla riapertura, le cose cominciano a farsi davvero calde prima di un prevedibile calo estivo: i libri in uscita a Giugno sono davvero tanti. Ne ho selezionati alcuni per voi, quelli che personalmente aspetto di più.

Heartbreaker – Claudia Dey
11 Giugno 2020

Heartbreaker - Claudia Dey - Giugno 2020

Apro la rassegna dei libri in uscita a Giugno con un editore sempre presente: la Black Coffee è una garanzia per la narrativa nord americana. Poi forse sono una persona facilmente influenzabile io, ma leggere nella stessa sinossi Nazareth e Whitesnake e The Handmaid’s Tale, Stranger Things e Twin Peaks mi ha fatto venire un’insana voglia di leggerlo.

È il 1985. La quindicenne Pony Darlene Fontaine vive da sempre nel «territorio», una comunità fondata da un carismatico capo religioso e regolata da una rigida gestione delle risorse economiche, dove le donne portano i capelli mossi e le spalline imbottite, e gli adolescenti vanno in giro con i Nazareth e i Whitesnake nelle cuffie del walkman. La famiglia di Pony occupa una capanna al limitare del villaggio, dove il territorio finisce e inizia l’immenso mondo esterno, un luogo che nessuno dei suoi abitanti ha mai visitato. Nessuno, tranne Billie Jean Fontaine, la madre di Pony. Giunta nel territorio diciassette anni prima – a bordo di un’auto rubata che si ferma solo un istante per spingerla fuori e ripartire – era stata accolta dai suoi abitanti con benevolenza, ma non senza remore: era la prima straniera che avessero mai visto. Come tutti, anche Pony è affascinata dalla sua figura, la idealizza, ma di lei non sa molto. Billie Jean, infatti, si rifiuta di parlare del mondo da cui proviene. Una notte d’ottobre la donna prende le chiavi del furgone, esce scalza nel buio gelido e svanisce nel nulla. Terrorizzata all’idea che la madre abbia abbandonato il territorio per sempre, Pony decide di vederci chiaro.Evocando elementi e atmosfere presenti in The Handmaid’s Tale, Stranger Things e Twin Peaks, Heartbreaker è la storia di una donna che si reinventa per sopravvivere, di una figlia determinata a far luce sul mistero di una madre che in fondo non ha mai conosciuto, e un’originale riflessione sul potere e i limiti dell’amore, e sui rischi che siamo disposti a correre in suo nome.

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

Edizioni Black Coffee,  304 pagine, 15 euro

La nostra folle, furiosa città – Guy Gunaratne
11 Giugno 2020

La nostra folle, furiosa città - Guy GunaratneLa nostra folle, furiosa città mi ha ricordato un altro folgorante esordio, quello di Zadie Smith con Denti Bianchi: stessa città, il tema dell’immigrazione e, appunto, un esordio. Questo è più incentrato sugli adolescenti e sembra affrontare il tema più di petto.

Per Selvon, Ardan e Yusuf, figli di immigrati, cresciuti nella periferia disagiata di Londra, estate significa quello che significa per tutti i loro coetanei: calcio, musica, ragazze. E amicizia, naturalmente; quell’amicizia totale come può esserlo solo un legame fra adolescenti, quasi una fratellanza, l’unico punto fermo in un mondo complicato dal quale non sembra esserci possibilità di fuga. Quando un soldato bianco viene ucciso da un ragazzo di colore, la violenza sotterranea che da sempre abita la città e la ferocia che ne avvelena l’aria esplodono: nessuno è più al sicuro. Nonostante i ragazzi cerchino di restarne fuori, il mondo esterno finisce per travolgere anche loro, ricordandogli in modo brutale la loro drammatica condizione di stranieri nella nazione in cui sono nati: tanto diversi dai terroristi e dai fanatici religiosi, quanto estranei rispetto al popolo inglese purista e nazionalista. Mentre attorno a loro la furia si scatena, Yusuf viene risucchiato in un altro vortice ancora più pericoloso: l’ondata di radicalismo che sta dilagando nella sua moschea e minaccia di trascinare con sé il problematico fratello Irfan.
Un romanzo d’esordio esplosivo, che ha portato l’autore fra i finalisti del Man Booker Prize dipingendo in modo vivido la violenza di una periferia degradata di oggi e la forza salvifica dell’amicizia adolescenziale.

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

Fazi,  420 pagine, 18,50 euro

Io sono il mare – Caterina Mazzucato
11 Giugno 2020

Io sono il mare - Caterina Mazzucato

Fra le tantissime cose interessanti che pubblica il Saggiatore ci sono sicuramente gli esordienti italiani e Io sono il mare non sembra fare eccezione.

Il mare è un abisso di tenebra: ad andare troppo in fondo non si torna più. Una ragazza di quindici anni scompare nella notte, vicino alla Scogliera degli Angeli. Non ci sono tracce, non si trova il corpo; solo le scarpe sono rimaste, una sulla pietra, l’altra in acqua, a suggerirne il destino. La notizia travolge il paese, lì vicino: arrivano i telegiornali, poi i sommozzatori. Eppure, nulla. Sparita. Sul caso cala impietoso un velo di indifferenza, a fagocitare ogni ipotesi e ogni pettegolezzo. C’è qualcuno però che non si arrende: un uomo, un appassionato di immersioni subacquee, decide di tornare in acqua per trovare la ragazza. A spingerlo è il desiderio di riscattarsi nei confronti della donna amata che lo ha lasciato e, insieme, di annegare nello sforzo la propria insostenibile sofferenza. Nella solitudine e nel silenzio delle profondità marine, tuttavia, circondato solamente dalla vastità e dalle creature dell’ombra, i ricordi lo travolgeranno e sarà costretto a rivivere tutto: il primo, romantico incontro; la passione, la felicità; l’ultimo dolore condiviso, l’addio straziante. Io sono il mare è un viaggio romanzesco in un universo rovesciato; un’immersione in un luogo senza tempo, in cui anemoni variopinti e coralli millenari dominano la superficie della Terra e animali estinti sopravvivono attraverso le forme di migliaia di specie differenti. Tra storie dimenticate e rimorsi mai confessati, nella sua ricerca disperata il protagonista dovrà esplorare ogni centimetro del fondale della sua anima fino a capire qual è la differenza tra ciò che sparisce per sempre e ciò che invece sa tornare a galla. Perché il mare è un involucro trasparente: più lo si indossa, più ci si rivela.

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

il Saggiatore,  240 pagine, 19 euro

L’ottava vita (per Brilka) – Nino Haratischwili
11 Giugno 2020

L'ottava vita (per Brilka) - Nino HaratischwiliSaga familiare, Est Europa, un intero secolo di storia, mattonazzo di 1148 pagine, il tutto visto dagli occhi di sette donne diverse: che altro può avere un romanzo per essere interessante?

La famiglia Jashi deve la sua fortuna (e la sua sfortuna) a una preziosa ricetta per una cioccolata calda molto speciale, destinata a essere tramandata di generazione in generazione con una certa solennità. Gli ingredienti vanno maneggiati con cura, perché quella bevanda deliziosa può regalare l’estasi, ma porta con sé anche un retrogusto amaro… Al tempo degli ultimi zar, Stasia apprende i segreti della preparazione dal padre e li custodisce nel lungo viaggio che, da una cittadina non lontana da Tbilisi, in Georgia, la porta a San Pietroburgo sulle tracce del marito, il tenente bianco-rosso arruolatosi pochi giorni dopo le nozze. È convinta che quella ricetta, come un amuleto, possa curare le ferite, evitare le tragedie e garantire alla sua famiglia la felicità. Ma allo scoppio della Rivoluzione d’ottobre, quando il destino della stirpe degli Jashi cambierà per sempre, capirà che si sbagliava. Tra passioni e violenze, incontri, fughe e ritorni, sei generazioni e sette donne – da Stasia, nata nel 1900, a Brilka, che vedrà la luce nel 1993 – attraversano l’Europa, da est a ovest, fino all’inizio del nuovo millennio, inseguendo i propri sogni e arrendendosi solo alla Storia. Alla ricerca del proprio posto nel mondo, le discendenti del famoso fabbricante di cioccolato percorrono il “secolo rosso”, dando vita a una saga familiare avventurosa e tragica, romantica e crudele, in cui per il lettore sarà dolcissimo perdersi, e ritrovarsi.

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

Marsilio,  1148 pagine, 24 euro

La casa dei Gunner – Rebecca Kauffman
11 Giugno 2020

La casa dei Gunner - Rebecca Kauffman

Le storie di amicizia tra ragazzi e i romanzi di formazione mi attirano sempre molto: l’infanzia e l’adolescenza sono secondo me delle età perfette per la letteratura e non mi stancherò mai di leggerne.

Alice, Jimmy, Lynn, Mikey, Sam e Sally: da bambini erano inseparabili. Avevano trovato scampo alla solitudine e alla noia di una periferia depressa nel nord dello stato di New York – e spesso da difficili situazioni familiari – prendendo possesso di una casa abbandonata e facendone il quartier generale delle loro avventure. A sedici anni, però, di colpo e senza spiegazioni, Sally ha tagliato i ponti col resto del gruppo, che di lì a poco si è sfaldato. Più di dieci anni dopo, gli altri cinque amici si ritrovano proprio al funerale di Sally, a interrogarsi sul motivo del suo suicidio, a fare i conti con i segreti del passato, a riannodare i fili dell’affetto fortissimo che ancora li unisce, al di là delle differenze di indole e della propria storia personale.
Un romanzo corale sull’amicizia popolato da personaggi di vibrante umanità (su tutti, il timido Mikey e l’esuberante Alice, profondamente legati per quanto caratterialmente agli antipodi), che l’autrice riesce a tratteggiare grazie alla vivacità dei dialoghi e a una cura delicatissima per i dettagli; una storia punteggiata di rivelazioni e sottili colpi di scena che tiene in pugno il lettore, lo diverte e lo commuove, e gli resta nel cuore a lungo anche dopo l’ultima pagina.

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

SUR, 304 pagine, 17,50 euro

La leggenda dei giocolieri di lacrime – László Darvasi
18 Giugno 2020

La leggenda dei giocolieri di lacrime - László Darvasi

Dopo László Krasznahorkai e Adam Bodor sono curiosissimo di questo altro scrittore ungherese che scrive romanzi visionari e favole oscure. Sicuramente quello che aspetto di più tra i libri in uscita a giugno.

Cinque anime misteriose percorrono giorno dopo giorno una terra desolata, figlia di una lunga guerra. Hanno lasciato le loro case vuote e in silenzio sono diventati saltimbanchi, giocolieri di lacrime: dai loro occhi sgorgano a comando sangue, miele, ghiaccio, schegge di specchio, miracoli; sul loro carro sgangherato sventola dipinta una grande lacrima del blu più blu che ci sia. Ovunque passino portano in egual misura speranza e disperazione, prodigi e maledizioni, la vita e la morte. Attorno al loro spettacolo, come guidati da un identico incanto, si radunano uomini e donne dalle storie straordinarie, da Irina Schiaccianoci, il cui sesso è in grado di frantumare qualunque oggetto, al nano giramondo Velemir Pep, da Ferenc Pilinger, il cui pene è scomparso dopo aver ucciso un uomo, a Borbála, la strega delle paludi. Il loro tragitto disegna un quadro di malìa attorno alle forche delle esecuzioni pubbliche. Ambientato in un’Ungheria lacerata in tre parti, durante i centocinquant’anni dell’occupazione ottomana tra il xvi e il xvii secolo, La leggenda dei giocolieri di lacrime è un romanzo visionario che mescola storia e letteratura, oralità e azione. Una favola grottesca in cui la violenza più reale convive con la magia e il soprannaturale, e in cui i cadaveri degli uccisi danzano accanto ai talami dei nuovi amanti.

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

il Saggiatore,  656 pagine, 32 euro

La Strada di Casa – Kent Haruf
18 Giugno 2020

La Strada di Casa - Kent HarufDoveva uscire a Marzo e, dopo un comprensibile ritardo, eccolo qui. Finiscono così le pubblicazioni di Kent Haruf in Italia con questo ultima opera non ancora tradotta in Italia. Si chiude così la rassegna di libri in uscita a giugno da leggere.

“Jack Burdette è troppo grande per la città di Holt e per i suoi abitanti. Ex giocatore di football, cacciato dal college con un’accusa di furto, poi militare in missione all’estero, quando sembra aver messo la testa a posto lascia improvvisamente la sua fidanzata per sposare un’altra donna conosciuta dodici ore prima. A ogni ritorno, Holt gli sembra sempre più stretta e scomoda… finché Jack non scompare con la cassa dell’azienda per cui lavora, lasciando la moglie e due figli. Dieci anni dopo, la città non ha perdonato né dimenticato. Eppure Jack torna un’ultima volta, con una macchina vistosa e un passato ingombrante, per far saltare di nuovo ogni convenzione e ogni certezza, senza alcun rimpianto. Ancora una volta Kent Haruf, con la sua scrittura tenera e implacabile e il suo sguardo asciutto ed empatico sulla vita e il destino, ci racconta la storia di un’umanità fragile, ostinata e tenace. Scritto prima della Trilogia della Pianura e già con la stessa grazia letteraria, La strada di casa è l’ultima opera non ancora tradotta di Haruf in Italia. Il canto di una comunità ferita, un romanzo epico che ha tutti i segni distintivi del classico americano moderno.”

Compralo da: La libreria indipendente più vicina a casa tua

NN Editore, pagine, 18 euro

 

Condivdi