Libri in uscita a Gennaio 2020

Buon 2020 a tutti! Con un po’ di ritardo arrivano le prime senagalazioni: ecco qui una lista dei libri in uscita a Gennaio 2020 da tenere d’occhio.

Onori – Rachel Cusk
14 Gennaio 2020

Onori è il capitolo finale di una trilogia che ha conquistato tantissimi lettori. Transiti, il suo predecessore, è arrivato anche nella top dieci dell’anno appena passato nella classifica di qualità de L’Indiscreto per i romanzi in traduzione. Questo romanzo ricorda un po’ I Vagabondi della neo premio Nobel Olga Tokarczuk.

“Una donna in viaggio ascolta un estraneo seduto di fianco a lei mentre parla del suo lavoro, della famiglia e dell’angosciosa notte precedente, trascorsa a seppellire il cane. Faye, scrittrice e io narrante, sta raggiungendo il continente europeo per partecipare a un convegno. Nel caldo afoso, tra pause caffè ed eterne attese di navette che fanno la spola dal ristorante alla sede dei meeting, incontrerà colleghi, giornalisti, organizzatori culturali. Da quelle sue conversazioni emergerà un quadro meraviglioso e terribile di un’umanità confusa, scissa tra ciò che teme di essere e ciò che sceglie di mostrare.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

Einaudi, 192 pagine, 16,50 euro

Cadrò, sognando di volare – Fabio Genovesi
14 Gennaio 2020

Cadrò sognando di volare - Fabio GenovesiAnche se l’ultimo romanzo non mi ha entusiasmato molto, Fabio Genovesi è un autore che leggo sempre volentieri e che seguo con piacere. Sarà che è un vicino di casa Versiliese e quindi mi fa leggere sotto una chiave divertente, ma mai banale, le contraddizioni del posto in cui viviamo. Esche vive in particolare è un romanzo che porto nel cuore.

“”Hai presente quando la radio passa la canzone che ascoltavi sempre alle superiori, e ti immaginavi nel futuro, libero e felice di fare quel che volevi… be’, se a sentirla il cuore ti si stringe e alla fine devi cambiare stazione, vuol dire che in quel futuro qualcosa non è andato come sognavi”. Così è per Fabio, che ha ventiquattro anni e studia giurisprudenza. La materia non lo entusiasma per niente, ma una serie di circostanze lo ha condotto lì, e lui non ha avuto la forza di opporsi. Perciò procede stancamente, fin quando – siamo nel 1998 – per evitare il servizio militare obbligatorio viene spedito in un ospizio per preti in cima ai monti. Qua il direttore è un ex missionario ottantenne ruvido e lunatico, che non esce dalla sua stanza perché non gli interessa più nulla, e tratta male tutti tranne Gina, una ragazza che si crede una gallina. Diversi come sono, qualcosa in comune Fabio e don Basagni ce l’hanno: la passione per il ciclismo. Così iniziano a guardare insieme il Giro d’Italia, e trovano in Marco Pantani l’incarnazione di un sogno. Un uomo coraggioso, tormentato e solo, che si confronta con campioni colossali che hanno il loro punto di forza nella prudenza e nel controllo della corsa. Pantani invece non fa tanti calcoli, lui dà retta all’istinto e compie sforzi immani che gli permettono di spostare il confine, “il terribile confine tra il possibile e l’impossibile, tra quel che vorremmo fare e quel che si può”. Grazie a questa meravigliosa follia, Fabio e don Basagni troveranno in sé un’audacia sepolta, e metteranno in discussione l’esistenza solida e affidabile che ormai erano abituati a sopportare. Fabio Genovesi ci racconta cosa vuol dire credere in qualcosa. Qualsiasi cosa. Che sia però magica, e ci accenda, spingendoci avanti o da qualsiasi parte, senza progetti o direzioni già tracciate. Si rischia di cadere, sì, ma quando alla radio passeranno la canzone della nostra adolescenza allora, cantandola a squarciagola coi finestrini abbassati, di sicuro voleremo.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

Mondadori, 312 pagine, 19 euro

A me puoi dirlo – Catherine Lacey
15 Gennaio 2020

A me puoi dirlo - Catherine Lacey - Libri Gennaio 2020Devo dirlo: della Lacey ho letto al tempo Nessuno scompare davvero e non mi piacque moltissimo ma ho deciso di metterla comunque tra i libri in uscita a Gennaio 2020. Non era affatto un brutto romanzo, soprattutto lei scrive molto bene, ma non mi convinse fino in fondo. È un’autrice che comunque rileggerei volentieri e questo mi sembra un romanzo interessante che tocca dei temi che mi interessano sempre molto.

“In un paesino di provincia arriva una persona sconosciuta. Gli abitanti la trovano addormentata sulla panca di una chiesa, dove si è fermata a cercare riparo durante la notte. Ha un’età giovane ma indefinita, la pelle di un colore diverso dalla loro, e a prima vista è impossibile stabilire di che sesso sia. Capisce la loro lingua, ma si rifiuta di parlare e raccontare la sua storia. La comunità, unita da una forte fede religiosa, si dichiara pronta ad accoglierla: ma sarà in grado di farlo davvero? Nei sei giorni successivi (quelli che precedono l’annuale «Festival del perdono», una tradizionale cerimonia di catarsi collettiva), gli abitanti del paese tenteranno in tutti i modi di fare i conti con questa figura inerme ed enigmatica che li lascia continuamente in scacco, e finiranno per essere loro a mettere a nudo i propri sentimenti più profondi, le proprie paure, le proprie ipocrisie.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

SUR, 180 pagine, 17 euro

Mamma è matta, Papà è ubriaco – Fredrik Sjöberg
15 Gennaio 2020

Mamma è matta, Papà è ubriaco - Fredrik SjöbergOk, è la terza volta di fila che lo scrivo: gli ultimi di Sjöberg non mi sono proprio piaciuti, anzi. Però lui è autore di uno dei miei romanzi preferiti di sempre, L’arte di collezionare mosche, e vivo sperando che un giorno riesca a bissare la brillantezza di quel romanzo per me, come per molti altri, indimenticabile.

“Grazie al caso, manovratore nascosto di destini umani, in un’asta di Stoccolma riemerge dal nulla un quadro dimenticato di quasi un secolo fa, il ritratto di due cugine adolescenti firmato dal danese Anton Dich. «Dimenticato» è forse troppo, visto che il suo autore non è ricordato in alcuna storia dell’arte, ma chi potrebbe incuriosire Fredrik Sjöberg più di un eccentrico ai margini dell’eccentricità bohémienne? Anton, patrigno di una delle due ragazze ritratte, ha lasciato scarse tracce di sé. Si aggira poco più che ombra tra i caffè di Montparnasse negli anni dell’avanguardia del primo Novecento, quando Parigi pullula di artisti di tutta Europa in cerca della loro strada. Pittore di talento, sembra sempre nel posto giusto al momento giusto, eppure lui la strada per il successo non la troverà mai, e morirà solo e alcolizzato a Bordighera nel 1935. Che cosa l’ha spinto alla deriva? Per scoprirlo, Sjöberg incontra le nipoti svedesi di Anton, scava nella famiglia matriarcale della moglie Eva Adler, ricostruisce complessi alberi genealogici e intreccia storie di carriere ben più luminose: Modigliani, Picasso, Derain, Brecht, Cendrars. Indulgendo alle divagazioni autobiografiche, botaniche, perfino filateliche, lascia spesso la strada maestra per produrre nei détours inaspettate esplosioni di senso, cui la sua consueta ironia elegantemente sottrae enfasi. E in fondo a questo viaggio tra Göteborg, Copenaghen, Parigi, la Costa Azzurra, la riviera ligure, addirittura Leopoli, resterà la sensazione di aver letto non tanto la biografia di un uomo quanto quella di un’epoca, una storia di sogni e nevrosi del XX secolo, ma anche dell’eterna ricerca di qualcosa che somigli all’immortalità. “

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

Iperborea, 224 pagine, 16,50 euro

Storia della nostra scomparsa – Jing-Jing Lee
16 Gennaio 2020

Storia della nostra scomparsa - Jing-Jing Lee - Libri Gennaio 2020La Fazi per la seconda volta in poco tempo pubblica un’autrice orientale molto promettente. Sono molto felice dell’arrivo sempre più copioso di romanzi orientali e della visibilità che stanno riscontrando (non solo nella narrativa ma anche nel fantasy e nella fantascienza) perché la loro è una letteratura che trovo molto interessante.

“Wang Di ha soltanto sedici anni quando viene portata via con la forza dal suo villaggio e dalla sua famiglia. È poco più che una bambina. Siamo nel 1942 e le truppe giapponesi hanno invaso Singapore: l’unica soluzione per tenere al sicuro le giovani donne è farle sposare il più presto possibile o farle travestire da uomini. Ma non sempre basta. Wang Di viene strappata all’abbraccio del padre e condotta insieme ad altre coetanee in una comfort house, dove viene ridotta a schiava sessuale dei militari giapponesi. Ha inizio così la sua lenta e radicale scomparsa: la disumanizzazione provocata dalle crudeltà subite da parte dei soldati, l’identificazione con il suo nuovo nome giapponese, il senso di vergogna che non l’abbandonerà mai. Quanto è alto il costo della sopravvivenza? Sessant’anni più tardi, nella Singapore di oggi, la vita dell’ormai anziana Wang Di s’incrocia con quella di Kevin, un timido tredicenne determinato a scoprire la verità sulla sua famiglia dopo la sconvolgente confessione della nonna sul letto di morte. È lui l’unico testimone di quell’estremo, disperato grido d’aiuto, e forse Wang Di lo può aiutare a far luce sulle sue origini. L’incontro fra la donna e il ragazzino è l’incontro fra due solitudini, due segreti inconfessabili, due lunghissimi silenzi che insieme riescono finalmente a trovare una voce.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

Fazi, 419 pagine, 17 euro

Uomini di poca fede – Nickolas Butler
16 Gennaio 2020

Uomini di poca fede - Nickolas Butler

Nickolas Butler mi ha conquistato qualche anno fa con il bellissimo Shotgun Lovesongs, e anche il successivo Il cuore degli uomini non era per niente male. Ha scritto della provincia americana, e della provincia un po’ tutta, come pochi altri. Tra i libri in uscita a Gennao 2020 che attendo di più sicuramente.

“”Adorare” è sempre sembrata una parola forte a Lyle Hovde, ma è quella che più rappresenta il suo sentimento verso certe giornate di primavera, in cui prende il pick-up e guida lungo il Mississippi per raggiungere il frutteto dove lavora, il nipotino Isaac di cinque anni a fargli compagnia e la natura del Wisconsin a guarire i mali dell’anima. Isaac è il bimbo di Shiloh, la figlia adottiva di Lyle e della moglie Peg, appena tornata a vivere a casa dei genitori dopo un lungo periodo di lontananza e ribellione. Era stato difficile separarsi da Shiloh, ed essere di nuovo riuniti sotto lo stesso tetto è una gioia per Lyle e Peg. Per questo, appena lui viene a sapere che la ragazza è diventata seguace di una Chiesa radicale e intende trasferirsi con il piccolo Isaac a vivere assieme al pastore che la guida, vorrebbe fare il possibile per impedirglielo. Tanto più che i due sembrano avere strane convinzioni legate ai poteri sovrannaturali del bambino… Quando il fanatismo religioso minaccerà da vicino la salute del nipote, Lyle si troverà costretto a compiere un atto estremo di resistenza per evitare che una nuova tragedia si abbatta sulla sua famiglia. Dopo “Shotgun Lovesongs” e “Il cuore degli uomini”, Nickolas Butler si ispira a una storia della sua terra per dare vita a un romanzo colmo di umanità. Lo scrittore del Midwest coglie temi universali – le contraddizioni del credere, il dolore del lutto, il peso dell’affetto – e li trasforma in sensazioni concrete, come l’odore della polvere e della benzina, la vista a perdita d’occhio sui campi e i solchi profondi che l’amore scava dentro ognuno di noi.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

Marsilio, 256 pagine, 17 euro

ilMistero.doc – Matthew McIntosh
30 Gennaio 2020

Dopo la recentissima riedizione di Casa di Foglie arriva un altro libro che sconvolge la classica forma romanzo che siamo abituati a conoscere: anche qui forma e contenuto sono un tutt’uno imprescindibile.

“Un uomo si sveglia in una casa che non conosce. Una donna che non conosce lo chiama «amore», gli dà un bacio, esce. I mobili, le tende, i tappeti, i libri sugli scaffali, il giardino, la strada fuori dalla finestra, gli aceri in fiore: tutto gli è straniero, alieno. Non è mai stato qui. C’è una scrivania, un computer, una sedia gialla. Si siede, preme spazio: sullo schermo appare un documento, fatto di una sola pagina vuota. Il documento si chiama: ilMistero.doc. È l’inizio di un’opera che definire mondo è riduttivo, un’opera-galassia, un’opera-universo che contiene centinaia di romanzi diversi; un’opera-enigma, il giallo dei gialli, che può essere svelato solo da chi non cerca di risolverlo; un’opera che, nel suo negare la forma romanzo, ne invera la forza originaria, dirompente, carnevalesca, come avevano fatto Casa di foglie di Mark Z. Danielewski e Infinite Jest di David Foster Wallace, coi quali ilMistero.doc condivide un’ideale continuità, non solo per la frammentarietà della struttura o per l’eterogeneità dei materiali narrativi impiegati, ma anche, e soprattutto, per l’intento epico: raccontare, in una singola vita, ogni altra possibile vita umana.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

il Saggiatore, 1586 pagine, 39 euro

L’isola della Disfatta – Ina Vălčanova
Gennaio 2020

L'isola della Disfatta - Ina Vălčanova

Ancora senza una data e una copertina definitive, L’isola della disfatta dovrebbe uscire entro la fine del mese. Voland è molto attenta alla pubblicazione di autori e autrici dell’Est Europa, un’area che anno dopo anno produce un sacco di ottima letteratura. La traduzioneL’isola della disfatta vede, tra l’altro, porta la firma della storica editrice di Voland, Daniela Di Sora.

“Che cos’è la disfatta? Esiste davvero? Ecosa chiamiamo “successo” o “vittoria”? Due donne raccontano la loro storia. Si conoscono a malapena, eppure tra le due c’è una sorta di relazione, perché una si diletta di astrologia e si convince di aver visto nelle stelle che qualcosa sta minacciando l’altra. Ognuna conosce solo la propria parte di storia, e i singoli pezzi dovranno incastrarsi come in un puzzle. Un romanzo sul desiderio di controllare il mondo e sulla ricerca della libertà, che racconta di quella cosa bizzarra a cui diamo il nome di “destino”. E si sa, le mosse del destino sono spesso ironiche. Un romanzo che parla di donne, uomini, di bambini e gatti. E anche di un’isola. Ma non di una disfatta.”

Compralo da: Amazon  – La libreria indipendente più vicina a casa tua

Voland, 192 pagine, 17 euro

 

Condivdi